CELEBRITY, TRA INFLUENCER ED INVIDIA SOCIALE!

Condividi l'articolo sui social!

Celebrity: Salve internauti, bentornati sul blog di IRD: da come si può intuire dai miei articoli, la mia intenzione è non solo di trattare anime e manga (o live action di questi ultimi), ma anche cinema e serie televisive di qualunque nazionalità (sceneggiati, fiction, telefilm o drama che siano) e di qualunque genere.

Celebrity, serie Netflix da vedere assolutamente!

Oggi vorrei parlare di una serie coreana presente in streaming in italiano su Netflix, intitolata “Celebrity” diretta da Kim Cheol-kyu e composta da 12 episodi; la serie è autoconclusiva, quindi non ha una seconda o una terza stagione per il quale vedere lo sviluppo delle vicende, tutto si conclude in un’unica trance di puntate, benché io non possa escludere un rinnovo che prosegua le vicende, ma lo reputo francamente improbabile vista la natura del finale.

L’ho vista circa 2 mesi fa e devo dire che Celebrity mi ha veramente appassionato, l’ho trovata davvero ben fatta (benché abbia certamente i suoi difettini) e spero venga vista da più persone possibili. Dividerò l’articolo in due parti; una parte breve in cui spiegherò a grandi linee di cosa parla, per chi non l’ha vista, e poi tratterò la sezione spoiler. Quindi siete avvisati, se non l’avete ancora vista leggete fino a dove indicherò (farò un’allerta spoiler al momento giusto)!

Preferisci leggere o guardare? C’è anche la video-recensione: clicca qui per guardarla!

LA TRAMA DI CELEBRITY

La serie si apre con questa ragazza chiamata Seo Ah-ri interpretata da una bravissima Park Gyu-young, lei peraltro è la stessa attrice che ha interpretato in un’altra serie coreana su Netflix, cioè “Sweet Home”, la ragazza con la mazza da baseball e che suona la chitarra. Lei, Seo Ah-ri è una influencer di successo che ha avuto più di un milione di follower sul social di Instagram, nel mondo della moda, famosissima quindi nel fashion e con un ruolo di punta nel ruolo di influencer, nella vendita di vestiario di marca.

Seo Ah-ri trasmette una live su Instagram in cui fa rivelazioni sconcertanti e mette in subbuglio un’altra serie di influencer su Instagram, delle ragazze che sono preoccupatissime per quello che dirà, e oltretutto sono stupite dal vederla in live per un motivo che verrà svelato alla fine del primo episodio.

IL MONDO DELLE INFLUENCER SU INSTAGRAM

Quindi questa Seo Ah-Ri inizia un racconto dove spiega come è diventata famosa, ed il mondo che la circonda e tutti i lati oscuri di esso, così insomma parte un flashback in cui la vediamo quando ancora non era neanche entrata nel mondo dei social; lei fa la venditrice porta a porta e reincontra questa amica Min-hye che praticamente adesso fa la influencer e conduce una bella vita.

Min-hye della serie Celebrity, leggi l'articolo

Min-hye appena la vede impazzisce: “ah Seo Ah-ri, quanto tempo! Come stai?” Questa Min-hye è convinta che la sua vecchia amica sia ricca perché infatti Seo Ah-ri quando era più piccola era molto benestante per via del padre che aveva un grande business nel commercio dell’abbigliamento.

Tuttavia ad un certo punto il padre è andato in bancarotta ed è passato a miglior vita, e da quel momentto la sua famiglia vive modestamente però sono molto indebitati, perciò Seo Ah-ri fa la venditrice porta a porta vendendo cosmetici, stile Avon.

Insomma, Min-hye la invita ad un galà solo per persone benestanti e facenti parte di quel mondo, credendo che lei sia ricca, quindi l’intenzione di questa Min-hye è sfruttare Seo Ah-ri per avere ancora più popolarità e per ottenere ancora più entrate. Seo Ah-Ri non vorrebbe andarci anche perché a lei non piace nascondere questo fatto che in realtà non è più ricca, però l’amica e la madre la convincono ad andarci.

La madre di Seo Ah-ri e l’amica peraltro sono appassionatissime di capi di abbigliamento, pergiunta seguono gli influencer su Instagram, la convincono quindi ad andare e la madre le dà un vestito che appartiene ad una sua cliente, poiché lei praticamente gestisce una tintoria per vestiti di altissima classe, quindi gliene dà uno di una cliente facoltosa, un vestito costosissimo, glielo fa mettere dice: “Vai lì, non ti preoccupare, così fai una bella figura!”. Seo Ah-ri non vorrebbe ma alla fine ci va, e che cosa succede?

Che al galà praticamente arriva un’altra influencer che litiga con Min-hye perché lei con altre persone l’avrebbe sputtanata online, e le avrebbe distrutto praticamente la sua carriera da influencer! Seo Ah-ri interviene e nella collutazione le finisce addosso del vino; quindi il vestito viene sporcato in maniera irreversibile e la madre è costretta a scusarsi con questa cliente, che è una donna ricchissima che ha come cognata una famosa influencer che peraltro fa parte del gruppo di Min-hye.

IL SUCCESSO DI SEO AH-RI

Seo Ah-ri di Celebrity ala galà delle influencers: leggi l'articolo

Questa donna in realtà quando scopre del vestito non fa niente e addirittura non vuole essere ripagata il vestito nonostante Seo Ah-ri si fosse proposta di ripagarglielo a rate lavorando duro. Così tra questa donna e Seo Ah-ri nasce un legame che diverrà molto importante per le vicende. Intanto questa Min-hye scopre che Seo Ah-ri non è più ricca e nel momento in cui lo scopre mostra la sua vera natura, quindi una persona molto falsa che guarda le persone dall’alto al basso, perciò rompe con la vecchia “amica” dopo averla peraltro umiliata insieme al suo club di influencer.

Qui oltretutto si vede tutta la falsità di queste ragazze che nelle loro dirette fanno tutte le persone comprensive ma poi nella realtà guardano tutti dall’alto al basso e si nutrono dell’invidia delle altre persone vivendo di fatto solo di apparenze! Ma è proprio qui che Seo Ah-ri casualmente grazie a Min-hye ed alcune altre vicende inizia a diventare popolare su Instagram iniziando a ricevere le prime proposte di collaborazione dalle società, per poi essere anche contattata da una compagnia che la farà crescere come influencer su Instagram.

Da qui in poi lei inizierà ad avere sempre più successo e Min-hye e le altre invece faranno di tutto per distruggerla; questa era la trama in generale (mi sa che mi sono protratto anche troppo!) questa serie, Celebrity, fa un vero e proprio spaccato sul mondo dei social e sul vivere di apparenza attraverso la rete; per fare un esempio c’è questa cosa delle persone che non perdono mai occasione di fotografarsi, quando ad esempio stanno vicino ad una macchina costosissima che però magari poi si scopre non essere neanche la loro.

Vi è ad esempio questa sequenza dove si vede un tizio che si fa un selfie vicino alla macchina finché poi non arriva il vero proprietario. Quindi il tizio in realtà non possiede quella macchina, ma sui social farà credere di sì! Oppure la tizia che si fa le foto con le borse di marca costosissime e poi in realtà quando finisce di farsi i selfie si scoprono essere dell’amica.

Celebrity mostra la competizione che c’è in questo mondo, ad esempio il club di Min-hye e le altre la “Gabin Society”; queste influencer tra loro fingono di essere amiche attraverso la rete ma in realtà si odiano a vicenda, e l’unica cosa che le lega veramente è l’odio nei confronti di Seo Ahri: loro odiano Seo Ah-ri perché non sopportano la sua sincerità e non sopportano che una che non aveva un soldo, il giorno dopo ha più successo di loro!

LOTTE DI CLASSE IN CELEBRITY

Celebrity è una serie che parla anche di lotte di classe come spesso vediamo in prodotti coreani. Queste donne tra l’altro nascondono il proprio passato perché in realtà la maggior parte di loro non era benestante da sempre, nonostante in realtà in rete facciano apparire di essere sempre state ricche.

Nella realtà molte di loro sono riuscite ad arricchirsi sfruttando il successo di altri appoggiandosi ad altre persone o facendo attività illegali, quindi sono influencer che vendono la perfezione su Instagram, ma sotto sotto nascondono tantissimi scheletri nell’armadio che se venissero fuori le potrebbero distruggere, e sono proprio gli scheletri che la Seo Ah-ri del presente inizia a rivelare piano piano nella diretta.

Gabin society, società delle influencers di Celebrity (Seo Ah-ri e Min-hye)

Un aspetto molto realistico di questa serie sono appunto Min-hye e le altre, perché mostrano un atteggiamento tipico di chi su internet si vende come persona di successo e ricca senza esserlo davvero, esprimendo poi uno snobismo verso tutti coloro che non sono né ricchi e né di successo, quindi un vero e proprio riflesso di se stessi! Invero è come se odiassero se stessi perché nella realtà non sono né ricchi né di successo, fingono solo di esserlo ma riflettono questo loro odio sulle altre persone; il loro fallimento lo riflettono sulle altre persone!

Un altro aspetto di Celebrity che tra l’altro viaggia anche sul drammatico ed il comico nella serie, sono i commenti. Praticamente Seo Ah-ri quando inizia a diventare di successo inizia ad essere anche bersagliata da alcuni hater soprattutto perché viene imbastita una guerra sui social contro Min-hye le altre, di conseguenza si creano delle fazioni che le vanno contro o che le vanno a sostegno. E fa ridere molto una scena con la madre che dice “Io l’ho difesa con tutti e otto i miei profili!”

Questo fa molto ridere perché è quello che succede nella realtà, le persone si creano più profili con nomi diversi spacciandosi quindi per più persone, e succede che quando scrivi con profili diversi dei commenti sotto ad un post, e lasci dei like, le altre persone penseranno che ci stanno più persone che stanno sostenendo quell’idea, quando in realtà è una persona sola dietro! Quindi anche questo è un fenomeno realistico e pertanto mi ha fatto ammazzare daL ridere questa scena della madre.

CELEBRITY, ALLERTA SPOILER…

Yoon Si-hyeon aiuta Seo Ah-ri in Celebrity

E ora passiamo alla parte spoiler. Se non volete proseguire per non spoilerarvi vi ringrazio per avermi seguito fin qui. Passiamo agli spoiler, una cosa molto riuscita di questa serie sono le interazioni tra i personaggi come ad esempio il rapporto che si crea tra Yoon Si-hyeon e Seo Ah-ri: Yoon Si-hyeon sarebbe la donna del vestito nonché la moglie dell’amministratore delegato di questo grandissimo studio legale; la Taekang. Ella è anche la cognata di una delle influencer della Gabin Society.

Questo rapporto è molto interessante perché Yoon Si-hyeon è stupita dalla sincerità di Seo Ah-ri, vivendo lei in un triste contesto di falsità insieme al marito e alla cognata, quindi questo porta Yoon Si-hyeon a venire sempre incontro a Seo Ahri, a spalleggiarla sempre di più fino ad arrivare ad andare contro al marito e alla cognata.

Infatti escono fuori grazie a Seo Ah-ri tutti gli scheletri, non solo di queste influencer, che iniziano a crollare piano piano, ma anche tutti gli scheletri di questo studio legale importantissimo, che per proteggere una delle influencer aveva cagionato la morte di un uomo al solo scopo di coprire un eventuale scandalo che colpisse la sorella influencer e la sua società.

COERENZA E REALISMO

coerenza e realismo in Celebrity la serie di Netflix

Celebrity mi piace molto perché devo dire che come altre serie coreane mantiene sempre una sorta di realismo nelle vicende, che rendono il tutto appassionante, nondimeno questo modo di mantenere la coerenza nell’indole dei personaggi: Cosa voglio dire? Spesso nelle serie americane e non solo, c’è da parte degli autori questa tentazione di far redimere i personaggi negativi, quindi personaggi che magari fino al momento prima non avevano alcuno scrupolo, all’improvviso iniziano a compiere una sorta di atto redentorio.

Invece in Celebrity ed in altre serie mi colpisce come i personaggi mantengano fino all’ultimo la loro linea, vale a dire che se sono delle merde di persone, rimarranno merde fino alla fine! Quanto alle parti finali la serie mi ha davvero tenuto col fiato sospeso, nonostante io avessi capito già alcune cose: per fare un esempio io avevo capito il fatto che l’amica di Seo Ah-ri, ossia Jeong-Sun, fosse una delle hater della protaognista; mi era venuto in mente perché avevo capito che era qualcuno vicino a lei.

L’IDENTITA’ DI BBBFAMOUS

l'identità segreta di bbbfamous è uno dei misteri più coinvolgenti

Però devo dire che qui secondo me la narrazione di Celebrity è stata un po’ confusionaria perché sembrava quasi che lei fosse “bbbfamous”.

Ecco questa figura bbbfamous secondo me è una delle parti migliori della serie; bbbfamous è un account su Instagram privo di qualunque informazione che faccia ricondurre al suo sesso, alla sua età ed alla sua provenienza. Questo bbbfamous aiuta Seo Ah-ri inizialmente a colpire le sue rivali (per così dire) e le dà dei preziosi consigli su come ottenere più successo, finchè poi le si rivolta contro.

Quando tuttavia si scopre che l’amica è una delle hater, forse è stata fatta volutamente confusione, ma sembrava come se si fosse scoperto che l’amica stessa Jeong-Sun fosse in realtà bbbfamous… Non so se questa cosa è voluta o se semplicemente hanno fatto confusione! Fatto sta che quando scoprono l’identità degli hater, Seo Ah-ri, almeno nella versione italiana, dice “Avete scoperto l’identità di bbbfamous?” Invece no!

Io per tutto il tempo mi sono chiesto chi fosse bbbfamous, e questa cosa è stata veramente pazzesca, come pazzesco è stato il mistero della Seo Ah-ri del presente, visto che lei in realtà dovrebbe essere morta. La Seo Ah-ri che fa le dirette mette davvero hype, io fino alla fine mi stavo chiedendo che cosa fosse accaduto, è una serie quindi che sa davvero appassionare, che spesso ti porta in una direzione e poi ti frega! Volutamente, nel senso buono!

IL MISTERO DELLA SEO AH-RI DEL PRESENTE

Il mistero della Seo Ah-ri del presente che cos'è? Un Deepfake?

La rivelazione di dove sia Seo Ah-ri. se sia davvero lei, è pazzesca. Io però l’avevo intuito che fosse un “deepfake”, perché la Seo Ah-ri delle dirette aveva queste strane movenze, e le scene all’interno dell’appartamento la riprendevano solo di profilo, da lontano, quindi mi era venuto il dubbio: “Vuoi vedere che in realtà questo è un deepfake?”.

Infine abbiamo la rivelazione di bbbfamous che era tra i misteri più potenti di questa serie.

Anche qui la serie ti inganna in più occasioni, perché ci fanno anche credere che sia quella donna che arriva ad un certo punto nel locale di suo marito e che in realtà è Wang Ro-La, quella lì che aveva litigato all’inizio con Biniimom, e che in realtà non c’entra con bbbfamous, è stata una mossa pazzesca da parte degli autori, perché hanno scelto un’attrice con un’espressività inquietante!

Comunque sia questo bbbfamous scopriamo essere in realtà una donna che vive in un appartamento piccolo, ma soprattutto completamente messo sottosopra, vivendo insomma in una condizione di barbonismo domestico. Infatti c’è a terra tutta la roba, l’immondizia ovunque, ci sono scarafaggi dappertutto, e questa ragazza lavora in un centro di massaggi per persone molto benestanti, quindi proprio le influencer che questa bbbfamous tanto invidia!

Ecco questo è un elemento di cui parla “Celebrity” ossia l’invidia sociale; questa ragazza infatti rappresenta il pubblico, quel pubblico che invidia gli influencer che vede su internet, soffrendo nel vedere persone che si vantano delle proprie ricchezze, si vantano di cose molto desiderate e che questo pubblico vorrebbe avere, finendo per soffrire perché conscio di non poter mai avere quelle cose in tutta la vita.

Questo porta spesso le persone a soffrire, ma porta loro anche a sfogare la propria rabbia nella rete sfruttando l’anonimato, facendo dell’hating il proprio scopo di vita! Ci sono davvero persone che si svegliano la mattina al solo scopo di scrivere cattiverie contro le altre persone, magari anche contro uno specifico personaggio pubblico, ci sono persone che sono davvero fuori di testa in questo senso. Ricapitolando, bbbfamous, passa la vita ad invidiare e a sognare quella vita, ma anche a disprezzare queste persone!

Questo lo vedremo in una scena finale abbastanza emozionante di Celebrity, quando Seo Ah-ri arriva faccia a faccia con bbbfamous e lì, alla fine, ella esplode in un discorso generale contro le persone benestanti che vantano le proprie ricchezze, i benefici ed i lussi su internet, creando disagio verso chi queste cose non se le può permettere!

In questo senso rientra anche l’amica di Seo Ah-ri che ad un certo punto inizia a scrivere messaggi d’odio non solo contro le nemiche dell’amica, ma addirittura contro Seo Ah-ri, perché lei stessa era diventata invidiosa dell’amica:

Alla fine in fondo, magari anche chi è umile, sotto sotto certe cose le desidera, che sia il lusso o la semplice popolarità, persino Seo Ah-ri che è di animo buono e non è certo una persona snob, riconosce in fondo di bramare il successo per ottenere così anche una sorta di rispetto! Ah, un altro elemento davvero riuscito è la colonna sonora, realizzata da Kim Junseok e Jung Serin, il duo che ha realizzato la bellissima colonna sonora di “The Glory”, e che anche qui con Celebrity secondo me ha fatto un lavorone!

DIFETTI DI CELEBRITY

L'incidente di Han Jun Kyung forse è un difetto della serie...

Ovviamente la serie di Celebrity ha anche alcuni difetti, ad esempio alcuni errori registici tipo diversi scavallamenti di campo, questo tra l’altro l’avevo già accennato nel video precedente. Poi ci sono delle cosette che non sono chiarissime ad esempio quando la società di Han Jun-kyung trova le prove contro la Taetang.

Diciamo che sono stati un po’ vaghi perché non hanno spiegato come hanno trovato queste prove, dove le hanno trovate, su cosa si basano insomma.

Anche Han Jun-kyung che dopo l’incidente si è risvegliato, porca miseria non c’ha manco un segno! Va bene che questo è ricco, però è proprio tornato col volto pulito e perfetto! Mi aspettavo qualche segno almeno. Insomma in conclusione questa secondo me è una serie davvero riuscita, stupenda, non perfetta, appassionante fino alla fine, con un certo realismo narrativo, benché poi verso la fine viri un po’ sul thriller, ma senza troppe sbavature a dire il vero!

E quindi io Celebrity la straconsiglio, nella speranza che venga vista da più persone possibili e che non rimanga nel sottobosco della nicchia come accaduto ad altre serie, o ad altri film asiatici. Purtroppo l’effetto “Squid Game”, “Non siamo più vivi”, non vale per tutte le sere coreane, bah!

Se l’articolo ti è piaciuto o vuoi semplicemente dire la tua, lascia un commento.

ATTACK ON TITAN LIVE ACTION: Recensione e Analisi

Condividi l'articolo sui social!

L’attacco dei giganti con attori in carne ed ossa: La delusione del Live Action di Attack on Titan!

Attack on Titan Live Action: Lo sapevate che nel 2015 è stato realizzato un live action de “L’attacco dei Giganti”? Parliamone! Per chi non mi conoscesse sono IRD – Il Recensore Delirante, ed oltre a fare video su YT, ora scrivo anche su un blog tutto mio; a proposito vi invito a leggere l’ultimo articolo da me scritto a proposito di una curiosità sulla serie di Fullmetal Alchemist.

Che cos’è L’attacco dei giganti?

Allora “Shingeki no Kyojin” anche conosciuto come “Attack on Titan”, o da noi “L’attacco dei giganti”, è un manga di Hajime Isayama da cui è stato tratto un anime che è diventato popolarissimo, prodotto inizialmente da studio WIT e successivamente da MAPPA.

Shingeki no kyojin anime studio wit e mappa

Il successo dell’anime è stato decretato non solo dalla particolarità della trama ma anche dalla spettacolarità delle animazioni.

Io personalmente mi sono molto appassionato alla serie animata, in particolare come è proseguita nelle stagioni successive alla prima. Io non sono d’accordo con chi sostiene che questa serie sia calata con le stagioni successive, anzi io penso che sia solo migliorata.

Per quanto riguarda il manga ho letto davvero poco, ora come ora sono fermo al primo volume!

Il Live Action di TOHO

Quindi come da introduzione, nel 2015 viene realizzato un live action, o meglio, un film in due parti: Shingeki no Kyojin: Attack on Titan e Shingeki no Kyokin: End of the world, diretti da Shinji Higuchi, il braccio destro, potremmo dire, di Hideaki Anno; lui infatti ha co-diretto “Shin Godzilla”, ed anche l’anime di “Nadia – Il mistero della pietra azzurra”.

Inoltre è stato l’effettista dei film di Gamera.

Ti secca leggere? Guardati la video-recensione: https://youtu.be/kvXffyDEEeE

Tra le altre cose, in Neon Genesis Evangelion il nome di Shinji Ikari si deve a lui, quindi Shinji deriva da Shinji Higuchi. Questo live action fu un insuccesso e rimase, come posso dire, in Giappone!

Non se n’è parlato molto in Occidente, o meglio se n’è parlato inizialmente, poi è rimasto un po’ nell’ombra, ancora oggi molti non sanno dell’esistenza di questo live action. Io l’ho visto in ritardissimo solo in questi giorni e… non che avessi aspettative, perché ne avevo già sentito parlare in maniera negativa, ma sono rimasto comunque molto deluso.

Personaggi

Armin, Mikasa e Hans

Eren e Mikasa nel live action di SNK

Allora partiamo da zero: Attack On Titan live action si apre con una scena con Eren, Mikasa e Armin, esattamente come succedeva nel manga, però questa scena già ci fa capire che il film apporta molte modifiche ai personaggi.

Infatti il rapporto tra Eren e Mikasa è completamente diverso, se nell’opera originale Eren e Mikasa hanno una sorta di rapporto più o meno tra fratello e sorella acquisiti, qui nel film invece si capisce che tra i due c’è una sorta di sentimento adolescenziale che sta per esplodere.

E Armin… non è biondo! Già, ma poi a quello ci arriverò e ne spiegherò il motivo! Armin è interpretato da Kanata Hongo che era quello che aveva interpretato Nishi nel live action di “Gantz”, ed anche Envy nel live action di “Fullmetal Alchemist”.

Nel film possiamo vedere il personaggio di Jean, possiamo vedere Sasha, che anche qui strafoga mangiando patate, carne e tutto il resto… E poi c’è il personaggio di Hans, interpretato da Satomi Ishihara, che abbiamo già visto e apprezzzato in Shin Godzilla; lei è sputata al personaggio dell’anime-manga, è veramente perfetta!

Hans interpretata da Satomi Ishihara, veramente azzeccata!
(ha avuto un ruolo anche in Shin Godzilla di Hideaki Anno)!

Gli altri invece si differenziano molto, e fra un po’ ci arriviamo.

Reiner o…?

Poi c’è questo tizio qui che è forte ed è un po’ robusto… immagino sia Reiner!?

Reiner, anzi Sannagi nel live action di Shingeki no Kyojin (AOT, SNK)

No! È un tizio che si chiama Sannagi! Questo qui è un personaggio originale di Attack On Titan live action e non è l’unico.

Infatti qui Reiner, Berthold, Conny, Krista e compagnia non ci sono e vengono sostituiti da altri personaggi.

Ad esempio ad un certo punto è comparso un tizio fortissimo col movimento tridimensionale, che è l’arma che nella serie i protagonisti utilizzano contro i giganti, poiché è l’unica arma che permette loro di combatterli; quando arriva questo tizio io ho pensato “Questo qui è Levi!”; gli somigliava pure un po’!

Ed invece è uno che si chiama Shikishima, e che tra l’altro dopo limona con Mikasa, ci arriveremo! Poi ci sono altri personaggi originali come questo Kubal interpretato dal grandissimo Jun Kunimura, poi c’è un altro tizio che si chiama Soda, anche quello interpretato da un attore noto in Giappone vale a dire Pierre Taki, e così via.

Mi aveva stupito che ci fossero così tanti nomi giapponesi in un’opera che in realtà è ambientata in una sorta di Germania alternativa; i nomi infatti nell’opera originale sono perlopiù tedeschi o comunque europei, ed infatti scopro che quella del live action è stata una voluta scelta stilistica di Higuchi.

Higuchi siccome voleva usare solo cast giapponese, ha preferito spostare il mondo di fantasia non più in una sorta di Germania alternativa -anche se non è la Germania, ma vabbè- ma bensì in una sorta di Giappone alternativo, quindi questo è anche il motivo per cui non ci sono biondi nel live action di Attack on Titan, come Armin appunto.

Jun Kunimura nell'attacco dei giganti (Kubal)

Beh, obiettivamente è una scelta che ci può stare in un live action, anzi nell’utilizzo di un cast prettamente nipponico appare la scelta più sensata!

Gli effettivi visivi

Comunque sia quello che mi interessava vedere erano appunto i giganti.

Volevo vedere come li avevano fatti ‘sti benedetti giganti, precisando che il sottoscritto non si era guardato alcun trailer e niente, preferendo guardare direttamente i film senza spoilerarsi o anticiparsi nulla.

Insomma volevo vedere com’erano i giganti!

Titano colossale nel live action di AOT

Come succede nell’anime e nel manga, dopo i preamboli, arriva questo gigante colossale che inizia a spaccare tutto e crea una breccia (n.b.: nell’anime c’è anche il gigante corazzato, qui non c’è, c’è solo il colossale).

Comunque sia arriva questo colossale; appena arriva si affaccia sulle mura come succede nell’anime, ed io, appena l’ho visto, ho pensato “Ok, se questa è la CGI, questo qui interamente non lo vedremo mai! Lo vedremo sempre affacciato!”. Ed infatti è stato così!

Come sappiamo dopo che il colossale crea la frattura nei muri dietro di cui l’umanità vive rinchiusa per proteggersi dai giganti che stanno fuori nel mondo, entrano i giganti “normali”.

Io ero curiosissimo di vedere come li avevano realizzati, ero anche scettico perché pensavo “se il gigante colossale è stato fatto così, allora come li faranno quegli altri?”. Signori e signori, ecco come li hanno fatti:

Non è CGI… Sono persone… Sono Persone truccate in costume che però sono sovrapposte in modo che sembrino giganti!

i giganti sono persone truccate

Praticamente utilizzano uno dei vecchi trucchi con cui realizzavano le serie sui giganti, quali Gamera, Godzilla, eccetera eccetera. Vabbè quindi per riassumere i giganti sono persone in costume con dei filtri digitali ai quali viene impiegata anche un po’ di CGI.

Diciamo che se non si è troppo pretenziosi non è neanche male, però a volte è troppo evidente che sono sovrapposizioni.

Quando i giganti iniziano ad entrare e le persone iniziano tutte a correre, lì devo dire che ci sono alcune scene splatter davvero niente male, ad esempio c’è una scena dove le persone si ammassano tutte in un posto, e lì secondo me hanno tirato fuori delle scene carucce, poi secondo me le scenografie non sono affatto male.

Tutto il resto…

Le musiche sono azzeccatissime; io ho riconosciuto subito Shiro Sagisu: Il musicista di Shin Godzilla ed anche di Neon Genesis Evangelion, Bleach, la serie storica di “Mila e Shiro”; anche i recenti film e serie di Beserk.

Un grandissimo musicista e qui secondo me le sue tracce sono azzeccatissime ed in qualche modo ricordano molto quelle realizzate da Hiroyuki Sawano per l’anime de L’attacco dei Giganti, quindi un’ottima scelta.

A questo punto arriva il gigante donna, diciamo che non l’hanno fatta neanche male. Il gigante donna nell’anime e nel manga, mangia una certa persona, qui invece la persona che viene mangiata è un’altra…. Infatti come dicevo il rapporto tra Eren e Mikasa è molto diverso, anche il fatto dei genitori di Eren, dei genitori di Mikasa, o dei genitori di Armin è molto diverso.

Ecco qui arriva il problema grosso di Attack On Titan Live Action; i problemi di scrittura!

Gigante donna nel live action dell'attacco dei giganti.

Lo sviluppo dei personaggi in questo film è quasi inesistente, il film spreca il tempo per mostrarci elementi di trama inutili, tipo c’è questa Hiana che sta nel gruppo di cadetti con Eren, Jean e gli altri. Questa Hiana però, non dà niente alla storia, ci sono continue scazzottate, c’erano pure nell’anime, ma qui sono infinite. Tra il primo e il secondo ci si perde il conto!

Shikishima sostituisce Levi!

Poi c’è questo Shikishima che è una sorta di Levi, ma più stronzo, che oltre a scazzottare con Eren ogni tanto slinguazza Mikasa…

E la Mikasa di questo film è veramente insignificante, è un personaggio che non funziona.

Eren d’altra parte per alcuni aspetti è simile all’Eren dell’anime, ma siccome loro non hanno enfatizzato il fatto che lui vuole uccidere i giganti.

O meglio, c’è la questione di lui che vuole sterminare i giganti, ma non trasmette quella rabbia, quell’odio che ha nell’anime, e quindi questa cosa IMHO indebolisce la forza del personaggio.

Poi c’è questa scena di questo gigante neonato che è completamente inutile ai fini narrativi, oltretutto nel film, come succedeva anche nell’anime, veniva spiegato che i giganti non hanno un sistema riproduttivo e quindi il gigante neonato stona perché se tu mi metti un gigante neonato mi fai quasi pensare che questi possano crescere!

Quindi il film, non sviluppando i personaggi, dando poche informazioni sui giganti, ma soprattutto sul movimento tridimensionale, e tutte ‘ste cacate di scene inutili, diventa noioso sin da subito.

Poi il film ogni tanto se ne esce con delle scene assurde, ad esempio c’è questa scena dove Sannagi, questo tizio robusto che se ne va in giro a spaccare i piedi dei giganti per farli collassare… Ad un certo punto evita il il braccio di un gigante, lo afferra per il braccio! Sì, afferra un gigante per il braccio e… de facto lo accappotta! (no non me lo sto inventando!)

Cioè praticamente fa la stessa cosa che fa Goku Super Saiyan 4 contro Baby in Dragon Ball GT quando Baby è in stato di Oozaru Gold (cioè in uno scimmione gigante dorato), ma nel contesto di Dragon Ball ha senso, e non perché è un cartone animato, ma perché proprio ha senso nel contesto narrativo di DB!

Qui no, qui sono giganti contro esseri umani normali, cioè ribadendo; questo qui accappotta un gigante a mani nude! Cioè è come se si vedesse uno prendere un camion e lanciarlo… senza senso!

Il primo film si conclude diciamo con il primo momento importante del manga-anime, cioè quando spunta il “gigante d’attacco”. Io cerco di non spoilerare troppo per chi non si è ancora letto o guardato questa serie molto affascinante. Quindi il primo film è interessante all’inizio e alla fine, tutto in mezzo è una noia! Il secondo film ha tutti i problemi del primo ma secondo me è meno peggio.

Anche se molti sostengono che il capitolo 2 sia peggio del 1°, secondo me invece il 2° è meglio. Pure “End of the world” ha infinite scazzottate, momenti in cui i personaggi gridano a squarcia gola, tra l’altro questo è un elemento tipico di molti film giapponesi, elemento che io non amo; intendo questa cosa di gridare e prendersi a cazzotti!

Non lo so, è un aspetto che funziona magari nei manga e negli anime, ma nei film non lo sopporto!

Il secondo film rivela come sono nati i giganti, perché esistono e cosa nasconde il governo. Queste rivelazioni sono completamente inventate, perché all’epoca il manga era ancora in corso d’opera e secondo me qui hanno fatto una cosa buonissima, perché altrimenti avrebbero dovuto aspettare molti anni prima di fare i seguiti.

Diciamo che alcuni aspetti delle rivelazioni somigliano all’opera originale, altre no. Il problema è che queste rivelazioni sono molto inconcludenti, secondo me andava dedicato più tempo piuttosto che alle solite scazzottate!

La fine di shingeki no kyojin (live action)

I combattimenti del secondo film tra il gigante d’attacco -che chi segue l’opera conosce bene- ed un altro gigante inventato nel film non sono proprio malissimo, dai! Diciamo che è una puntata dei Power Rangers in grande stile!

Ovviamente il “Gigante colossale”, come avevo previsto, lo si vede solo affacciato per tutto il tempo!

Quindi niente, il film ha una conclusione tutta sua e questa secondo me non è una cosa negativa, viene lasciata qualche porta aperta, ed il secondo film insomma è leggermente meno peggio del primo.

Qualcosina si guarda ma nel totale è una vera delusione, mi dispiace anche perché secondo me questo live action non è esecrabile come “Dragon Ball Evolution”, “I Cavalieri dello Zodiaco” o quello di “Death Note” di Netflix, perché questo è brutto, ma avrebbe potuto funzionare!

E perciò è perlopiù una delusione!

Quindi ditemi se l’avete visto, o se lo guarderete e fatemi sapere cosa ne pensate commentando questo articolo!

QUAL È LA NINA MIGLIORE DI FULLMETAL ALCHEMIST?

Condividi l'articolo sui social!
Nina Tucker, qual è la Nina più riuscita dei due anime?

La Nina migliore: L’ultima volta in questo blog abbiamo parlato dell’anime di Kenshin samurai vagabondo del 2023, ora vorrei spostarmi su un quesito che riguarda FMA, una curiosità:

La storia di Nina Tucker, converrete con me, è una delle più inquietanti di “Fullmetal Alchemist” (Hagane no renkinjutsushi) il manga di Hiromu Arakawa, di cui esistono due versioni anime.

Una del 2003 “Fullmetal Alchemist”, ed una del 2009 “Fullmetal Alchemist: Brotherhood”, entrambe prodotte dallo studio d’animazione BONES.

Ad essere pignoli esiste anche una terza trasposizione che è quella dei live action, e la parte di Nina la troviamo nel primo dei tre film, ma qui parliamo degli anime.

Premettendo che entrambe le versioni trasposte di questa parte sconvolgente dell’opera dell’Arakawa, sono una bomba, qual è delle due la migliore? A mio dire, la parte migliore di Nina è quella dell’anime del 2003, perché il personaggio viene contestualizzato in episodi precedenti!

Come ad esempio quella del parto della moglie di Hughes, o quando Edward ottiene il titolo di alchimista d’acciaio, di conseguenza ci si affeziona al personaggio di Nina.

Guarda la versione Youtube Shorts!

Nella puntata in cui succede quel che succede, nel primo anime, grazie alla rielaborazione fatta dagli sceneggiatori e dalla regia. Non ci si aspetta mai che stia per accadere qualcosa (come invece accade nel manga, nel Brotherhood o nel live action), e questo soprattutto nella prima visione ha un impatto devastante!

Quindi me per la prima versione di questa parte di storia è quella più riuscita!

Ma ribadisco anche la versione del secondo anime è scioccante ed efficace, Studio Bones ha fatto un lavoro eccellente con entrambe le trasposizioni! Ad onor del vero debbo dire che non è malaccia anche la versione in live action del 2017 di Fumihiko Sori.

E voi? Quale delle due trasposizioni di Nina preferite di più? Toglietemi questa curiosità e fatemelo sapere nei commenti. 🙂

KENSHIN ANIME 2023: Qual è l’arco più atteso?

Condividi l'articolo sui social!
Kenshin anime 2023

Kenshin anime 2023: Mettendo un attimino da parte Dragon Ball Super, vorrei parlare di “Kenshin samurai vagabondo” di cui da diversi mesi è iniziato il nuovo anime, mentre da noi è in corso la ristampa di Star Comics del manga di Nobuhiro Watsuki, che è nel pieno dell’arco di Kyoto.

Kenshin è un titolo che consiglio caldamente a chi non lo conosce!

Io non sono sempre entusiasta di questi rifacimenti o riadattamenti; come sappiamo è già stato fatto un anime a fine anni 90 di Kenshin di cui ho anche parlato anni fa in un video intitolato “KENSHIN – L’ANIME CHE NON CI È ARRIVATO”, che fu anche trattato in un articolo di AnimeClick.

Però bisogna ammettere che Kenshin samurai vagabondo è uno di quei manga che tutto sommato non avendo avuto una trasposizione né fedelissima e soprattutto né completa si può prestare a nuovi adattamenti anche per il sottoscritto. Io ho visionato tutti gli episodi finora andati in onda, siamo appena giunti alla fine dell’arco di Aoshi e Megumi, e devo dire che per adesso non è niente male.

Le animazioni a suo modo sono modeste! A volte a scatti certo, ma la regia le valorizza, i disegni pure sono buoni! Per fortuna la Liden Films non ha optato per il modello cel shading usato per “Berserk” (ho ancora gli incubi per quell’adattamento!).

Ti scoccia leggere tutto? Guardati la versione video! =)

Il nuovo anime di Kenshin samurai vagabondo del 2023 è molto fedele al manga, forse il lato comico è stato leggermente limato rispetto all’originale. Fino a qualche episodio fa non mi convincono ancora del tutto le musiche, tuttavia episodio dopo episodio inizio ad apprezzarle sempre di più! Per quanto riguarda l’opening non mi dice assolutamente niente, all’episodio 13 posso dire di non essermici invaghito, e se penso a quella storica indimenticabile “Sobakasu“, questa nuova ne esce con le ossa rotte!

Un’altra cosa che non è indolore di Kenshin anime 2023 è la nuova voce giapponese di Kenshin Himura. Anche perché quella storica era una donna, quindi c’è da abituarsi, ma per il resto va benissimo come scelta. Detto questo aspetto di vedere gli archi successivi, anche perché le parti iniziali debbo dire non sono tra le mie preferite! Ecco a proposito di questo; qual è l’arco che attendete di più di vedere animato?

Il nuovo anime di Kenshin Samurai vagabondo del 2023

Io la saga che attendo di più animata è, non tanto l’arco di Kyoto, forse la parte migliore in assoluto, ma quello di Enishi, giusto perché non è mai stato adattato, o meglio, è stato adattato nel quarto film cinematografico della saga live Action “Rurouni Kenshin: The Final” (dove Enishi è interpretato da Mackenyu, interprete tra le altre cose di Scar, Seiya e Zoro rispettivamente nei live action di Fullmetal Alchemist, Knights of the Zodiac e One Piece) che a me è piaciuta molto, mentre in anime era stata adattata solo la parte finale, quella sulla spiaggia, nell’OAV “Capitolo del tempo”.

L’anime storico si bloccava all’arco di Kyoto e poi dato che il manga era in corso d’opera all’epoca, proseguì con degli archi anime original, cioè inventati dall’anime, tipo quello sui religiosi (che non era malissimo insomma!). Nel frattempo poi era cambiato anche lo studio d’animazione, si era passati da Gallop a Studio Deen, e poi continuava con degli OAV che avevano un taglio visivo e delle atmosfere differenti.

Uno era “Memorie del passato” quello su Tomoe, che secondo me è stratosferico da ogni punto di vista, infine il già menzionato “Capitolo del tempo” che riprendeva qualcosa dal manga, e poi tutto il resto era creato per lo più da zero.

Kenshin samurai vagabondo OAV Capitolo del tempo; una delusione!

Per me è stata una delusione in quanto è troppo Kaoru centrico, non che Kaoru sia un brutto personaggio, anzi… Perde tempo con vecchi flashback, è eccessivamente melodrammatico, ed anche spietato nella sua conclusione.

Nonostante tutto però, quel poco dell’arco di Enishi che è stato adattato, è una bomba; la regia di Furuhashi è ben visibile, monologhi a profusione, espressioni curate al dettaglio e via dicendo.

Però ecco, sostanzialmente eccetto che nel live action, l’arco di Enishi in anime non è mai stato adattato completamente, essendo forse l’arco più lungo di tutta la serie, o comunque è più o meno sui livelli di quello di Kyoto; circa 10-11 volumi…

Quindi si sarà capito è la parte che attendo di più, inoltre nel frattempo l’autore ha creato dei seguiti, uno addirittura in corso d’opera che chissà, magari potrebbero aggiungersi a questo nuovo adattamento? E voi? Fatemi sapere qui sotto all’articolo nei commenti se lo state seguendo, se vi sta piacendo, se avete mai letto il manga, se invece avete visto il vecchio anime o qualcuno dei vecchi OAV, e soprattutto cosa vi aspettate!

Lasciate un commento e condividete l’articolo se vi è piaciuto, alla prossima! Non dimenticare di visitare gli articoli del mio blog.

IL JOHN WICK COREANO… KILL BOKSOON!

Condividi l'articolo sui social!
Kill Boksoon: il John Wick coreano

“Kill Boksoon” un film action degno di essere definito il John Wick coreano. Qui parla IRD, e bentornati sul mio blog! Kill Boksoon è un film coreano realizzato per la piattaforma Netflix, una pellicola a mio dire notevole di cui si è parlato in qualche articolo nel sottobosco, però diciamo non è che sia proprio uscito da lì!

Insomma si può dire che l’effetto “Squid Game”, “Non siamo più vivi”, non vale per tutti i prodotti coreani su Netflix.

Il film parla di questa Gil Bok-soon interpretata da Jeon Do-yeon che sarebbe la ragazza col tatuaggio di “Nido di vipere”, ma anche la ragazzina di “The Housemaid”, remake del 2010; attrice spesso per me irriconoscibile, forse per via del fatto che ha recitato in ruoli molto diversi tra loro. Quindi questa Gil Bok-soon mentre di facciata conduce una vita tranquillissima, in realtà esercita il ruolo di sicaria, e quindi la vediamo mentre esegue le uccisioni, magari poco prima parla al telefono con la figlia, chiedendo com’è andata la scuola.

Il samurai Shinichiro Oda interpretato dal grande Hwang Jung-min della bellissima serie "Narcosantos", e dell'ottimo film "Liberaci dal male".

La scena d’apertura del film fa ammazzare dal ridere anche perché ci dà un’idea precisa dell’atmosfera del film, lei praticamente deve uccidere questo killer samurai tale Shinichiro Oda (interpretato dal grande Hwang Jung-min di “Narcosantos” e “Liberaci dal male”) su commissione, ovviamente! Quindi lei lo porta in questo luogo dove deve non solo ucciderlo ma deve anche inscenarne la sua morte in modo che non appaia come un omicidio su commissione.

Però siccome vuole uno scontro leale con l’avversario che anch’esso è un sicario, gli offre quindi di scontrarsi lealmente dando anche a questo killer samurai la propria spada, e lei invece vorrebbe combattere con un’ascia comprata al supermercato. Lei tuttavia ha questa capacità, che non è un superpotere, ma bensì una sua abilità; praticamente quella di fare una previsione sullo scontro. Ella si rende conto che lo scontro non andrà a suo favore e quindi cambia idea e lo ammazza con la pistola!

Ti scoccia leggere tutto? Guardati la versione video! =)

Lei ha questa figlia adolescente, Jae-yeong, che cresce da sola ed ha paura che la figlia abbia ereditato il suo, diciamo, “istinto omicida”; perché infatti a scuola c’era questo cazzone che la minacciava con delle foto che aveva scattato di nascosto, di lei e questa sua amica con cui ha una relazione omosessuale. Così durante una lite la figlia adolescente taglia la gola a questo qui che la minacciava con le foto! Quindi Bok-soon è preoccupata che la figlia stia ereditando questo istinto omicida.

Bok-soon esercita il ruolo di sicario attraverso una compagnia chiamata “MK” il cui presidente è anche il presidente di questo comitato praticamente nazionale di tutti i sicari proprio alla John Wick, per cui sussistono delle regole precise che non vanno mai violate, tra cui ad esempio: 1 Non uccidere i minorenni. 2. Uccidere solo su autorizzazione delle varie compagnie. 3. Portare sempre a termine le varie commissioni (cioè gli omicidi). Il presidente è interpretato da Sol Kyung-gu che sarebbe quello di “Peppermint Candy” o anche “Voice of a Murderer”.

Sol Kyung-gu, quello di "Peppermint Candy" o anche "Voice of a Murderer" interpreta "Il presidente".

Tra il presidente e Bok-soon esiste una sorta di legame poiché lui la salvò quando lei era una ragazzina, dalle grinfie di suo padre, mentre lui eseguiva un omicidio su commissione. Proprio lui scoprì l’istinto omicida di Bok-soon rendendola quindi quella che è oggi, infatti Bok-soon è una sorta di celebrità tra i sicari poiché è bravissima.

A Bok-soon le viene assegnata questa recluta, Kim Yeon-ji, che ha il potenziale di diventare brava come lei e le viene commissionato un omicidio da eseguire, così la giovane recluta si dovrà occupare di tutte le opzioni secondarie quali la ripulitura e la messa in scena dell’omicidio, in modo tale che non sembri un omicidio; Bok-soon insomma dovrebbe uccidere un ragazzino, ma non minorenne, e dovrebbe far passare la cosa come suicidio.

Quando la recluta mostra a Bok-soon la finta lettera del suicidio poichè l’omicidio verrà fatto passare come suicidio, lei inizialmente dice: “non voglio sapere nulla, perché così posso svolgere meglio il mio lavoro!”, però quando vede una foto si ricorda di una notizia al telegiornale che lei aveva visto con sua figlia in cui praticamente si diceva alla TV che un senatore aveva favorito l’ingresso del figlio in una facoltà di musica in maniera fraudolenta, e c’era stata una discussione tra lei e la figlia dove la madre diceva che per quanto fosse sbagliato qualunque genitore lo avrebbe fatto per i propri figli!

La figlia adolescente di Gil Boksoon, ossia Jae-yeong, bullizzata da un compagno di scuola per via della sua relazione lesbo.

Ed invece la figlia non era d’accordo perché sosteneva che fosse in primis sbagliato, ed inoltre qualcun altro avrà perso quel posto a causa di tale magagna.

Perciò Bok-soon legge la finta lettera del suicidio e in questa il ragazzo sosterrebbe che suo padre non c’entra niente con lo scandalo, ed è innocente; quindi lei capisce che è stato il padre a commissionare l’omicidio del figlio per coprire lo scandalo! Questa cosa la colpisce e decide di non portare a termine l’omicidio, violandone tuttavia la regola, perciò chiama il presidente e lo informa che l’omicidio è fallito; il presidente non ci crede, anche perché la conosce molto bene e capisce che lei non lo vuole uccidere il ragazzo perché trova troppo spietato che quest’uomo uccida il proprio figlio per coprirne lo scandalo.

Min-hee la sorella del presidente, che odia a morte Gil Bok-soon.

Allora il presidente, che ha questo legame con Bok-Soon, sfrutta questa situazione per farle rinnovare il contratto, infatti essa non voleva rinnovare il contratto poiché voleva dedicarsi solo alla figlia, solo che a questo punto succede che la sorella del presidente, Min-hee, che odia Bok-soon, e che inoltre ha una sorta di sentimento controverso nei confronti del fratello, cioè il presidente.

Sfrutta quindi la situazione per sbarazzarsi di Bok-soon una volta per tutte; lei quindi la sorella del presidente tenta di uccidere Bok-soon sguinzagliandole altri sicari creando quindi un effetto a catena. Anche perché la giovane recluta di Bok-soon è in pericolo anche lei e tra le due era nato un legame che porterà quindi una frattura totale tra Bok-soon e la compagnia del presidente.

Ed insomma preferisco non dirvi altro se non l’avete visto recuperatevelo subito! Questo film ha molte cose in comune con John Wick non solo a livello di trama, ma anche a livello di atmosfere. Inoltre c’è anche un evidentissima citazione a John Wick… Però non solo ricorda John Wick, in alcune cose ricorda anche Kill Bill, non solo per via del titolo Kill Boksoon che ricorda Kill Bill, oltretutto Kill Boksoon praticamente è un gioco di suoni con il nome di lei. Ella si chiama gil boksoon quindi kill boksoon!

Come dicevo poc’anzi, in alcune cose ricorda Kill Bill, ad esempio il discorso degli assassini che per quanto possano condurre una vita normale alla fine sono sempre dei Killer e che perciò nelle situazioni difficili agiscono come dei killer; lei ad esempio ha una sorta di relazione, non sentimentale, ma sessuale, con questo altro sicario, che è tuttavia di serie B. Lei con questo sicario parla della sua vita, parla dei problemi che ha con la figlia, quindi ha delle discussioni normali, però non appena si presenta l’occasione agisce da killer perché questo è quello che sono!

Similitudini di Kill Boksoon con Kill Bill
Scena finale… non ricorda un po’ quella di Kill Bill?

Ma non solo, c’è anche una scena verso la fine che ricorda molto Kill Bill. Una cosa molto funzionale del film secondo me sono i movimenti di macchina nelle scene d’azione in particolare durante le risse. Ad esempio la scena nel locale che forse è la parte migliore del film, o anche quella ambientata a Vladivostok (anche se l’ambientazione è un po’ raffazzonata. si vede che non è un film uscito per il cinema ma bensì direttamente per la piattaforma in streaming online!).

Un altro aspetto molto riuscito di questo film è la figura del presidente Cha, lui infatti è presidente di questo comitato dei sicari, e si capisce che ha un atteggiamento molto possessivo e si è praticamente inventato le regole di questo comitato aggiungendole a suo piacimento. Inoltre ogni qualvolta che Bok-soon, che è un abilissima assassina, la migliore praticamente, pensa soltanto di voler uccidere il presidente, le sue previsioni la vedono sempre come sconfitta!

Quindi capiamo che questo presidente Cha è addirittura più abile di lei e questo è un aspetto vincente soprattutto per la parte finale. Comunque sia questo era tutto quello che volevo dire su Kill Boksoon; come ho detto del film se ne è parlato poco… Sì in alcuni articoli ne ha parlato qualcuno un po’ come è successo con “The Glory” e “Sweet Home”, però è rimasto sempre lì diciamo nella nicchia. Spero vi sia piaciuto questo articolo, sperando che porti qualche spettatore in più al film.

TOYOTARO AGGIUNGE DELLE PARTI FILLER… – Analisi Dragon Ball Super Capitolo 97

Condividi l'articolo sui social!
Goten e Trunks come Great Saiyamen attacano Cell Max in Dragon Ball Super Capitolo 97.

È uscito il nuovo capitolo del manga di Dragon Ball Super pochi giorni fa, il capitolo 97, “La furia di Cell Max” (traduzione letterale). L’arco attuale, sempre disegnato da Toyotaro, è l’adattamento del film “Dragon Ball Super: Super Hero”.

Analizziamo il capitolo in questo articolo (che per altro inaugura il sito web de Il Recensore Delirante), che ovviamente conterrà degli spoiler. Non c’è molto da dire su questo capitolo, si legge bene ed offre secondo me disegni niente male.

Devo dire che alcune tavole sono abbastanza ispirate, e sostanzialmente Toyotaro ha adattato una parte del film ed una parte invece è ex-novo; in pratica la prima parte del capitolo è una sua aggiunta che riprende laddove finiva il precedente, dove si vedevano Goten e  Trunks travestiti da Saiyamen, attaccare Cell Max. 

Ti scoccia leggere tutto? Guardati la versione video! =)

Questa parte aggiuntiva si allinea molto a quelle precedenti. Cioè è un tipo di riempimento che però non cambia la natura di ciò che sta adattando, ossia lui aggiunge quella parte in mezzo e appena si conclude riprende esattamente da dove ha lasciato, cioè dal film.

Quindi un tipo di riempimento, o di “fillering” come l’ho chiamato io in un mio Youtube Shorts, molto simile a quello che si utilizzava in Dragon Ball e Dragon Ball Z  da parte degli animatori di Toei Animation, o come in altri Anime della stessa levatura quali NarutoNaruto: Shippuden, One Piece, Inuyasha e così via…

Goten e Trunks come Great Saiyamen trasformati in Super Saiyan (SSJ) nel capitolo 97 di Dragon Ball Super.

Goten e Trunks quindi attaccano un po’ Cell Max, si trasformano in Super Saiyan e lo mettono addirittura in difficoltà perché Cell Max non si è ancora abituato ai movimenti come fa notare uno dei Gamma!

Un po’ come succedeva con lo scambio dei corpi tra Ginew e Goku quando Ginew usò la “Body Change” -Lo “Sdoppiamento” nella versione italiana Mediaset (a proposito và letto con la voce di Marco Balzarotti: SDOOOOPPIAMENTOOO!)- Scambiandosi corpo con Goku e rendendosi conto solo dopo che non era in grado di usufruire del massimo del potere del saiyan né di utilizzare la tecnica del Kaioken perché non si era ancora abituato a usare quel corpo; mente e corpo non erano allineati!

E quindi più passa tempo e più Ginew riesce ad usare meglio il corpo, la stessa cosa fa Goku con il corpo di Ginew tanto che inizia ad aiutare anche Crilin e Gohan. Questa era una curiosa aggiunta dell’anime… (ma Ginew… non lo sapeva che c’era questo problema? Non l’ha mai usata la tecnica? Ma vabbè, questo è un altro discorso… XD)

Tornando a Super, insomma dopo che Goten e Trunks fanno il loro show mettendo in difficoltà Cell Max per 5 secondi mentre Gohan,  Piccolo e gli altri non c’erano riusciti… Logico! A questo punto come nel film fanno la fusione e gli riesce male; Toyotaro ha fatto la scena uguale uguale al film, perché come ho detto anche in un precedente video, in questa saga lui è molto fedele e quindi ovviamente c’è la gag di loro che sbagliano la fusione e creano il Gotenks quello grasso, per la prima volta in versione da adulta.

Adult Fat Gotenks (o Gotenks grasso adulto) all'interno del capitolo 97 di Dragon Ball Super.

Io dico, ma non si sono anche un po’ cacati il cazzo di mettere questa gag? Basta!! È dallo speciale del 2008 “Ehilà! Son Goku e i suoi amici sono tornati!” che la mettono: basta!

Ma poi io dico almeno non facciano più questa cosa di Goten e Trunks che sbagliano la posa… Certo è vero che loro magari siccome sono passati gli anni non non l’hanno più fatta, però io dico nel film non potevano inventarsi chessò che magari con gli scossoni di Cell Max, muovendo il terreno, a causa dei tremori sbagliavano?

Così, senza fare ancora una volta che sbagliano la fusione perché sono due citruli! Ed un’altra cosa del capito che già imputavo al film; non potevano fare che Goten e Trunks si fondevano in stato di Super Saiyan e così vedevamo il Gotenks grassone in SSJ? Sarebbe stato fico!  

Purtroppo Fat Gotenks non si trasforma, o meglio, prova a trasformarsi ma non ci riesce, però sarebbe stato carino vederlo trasformato magari anche per un paio di secondi… e niente poi gamma spiega che basta 
colpire Cell Max sulla sommità della testa il problema però è che loro lo attaccano ma non gli fanno niente. Il capitolo si conclude quando uno dei Gamma individua il dottor Hedo che è ancora 
vivo.

Insomma che dire si attesta al livello dei capitoli precedenti, racconta molto poco per essere di 40-45 pagine e si legge… Carina una scena in cui Trunks e Goten fanno la posa eroica insieme a Gamma 1 e Gamma 2, perché infatti si scopre che il dottor Hedo si è ispirato a Goten e 
Trunks per creare i due robot… ok!

E voi l’avete letto il capitolo 97 di Dragon Ball Super? Fatemi sapere cosa ne pensate commentando l’articolo, e ricordo sempre di andare ad iscrivetevi al mio canale Youtube, mi raccomando!